Dimissioni e preavviso Job Act

Home Diritti del lavoro Domande frequenti Licenziamenti Dimissioni e preavviso Job Act

Questo argomento contiene 7 risposte, ha 5 partecipanti, ed è stato aggiornato da Sindacato-Networkers.it Sindacato-Networkers.it 1 mese, 1 settimana fa.

  • Autore
    Articoli
  • #5485

    troxy26
    Partecipante
    • Città :

    Salve, lavoro da circa  5 anni in un’azienda con contratto part time (anche se in realtà lavoro 8 ore al giorno compreso il sabato mattina).

    Vorrei dimettermi e so gia come funzionano le dimissioni online, visto che sono in possesso di un Pin dispositivo.

    La mia domanda è questa: se non rispetto il tempo di preavviso e non mi presento più a lavoro improvvisamente,  il datore di lavoro può accreditarmi il tfr senza dover per forza incontrarci?

    Ovviamente verrà decurtato il corrispettivo per il mancato tempo di preavviso.

    Attendo risposta

    • #5489
      Sindacato-Networkers.it
      Sindacato-Networkers.it
      Amministratore del forum
      • Città :

      Buongiorno Troxy,

      in linea generale, il datore di lavoro dovrà darle il tfr con l’ultima busta paga, se ha deciso di tenerlo in azienda.

      Tuttavia, qualora dovesse avere problemi con il versamento, può consultare la procedura dell’INPS per insolvenza: http://www.inps.it/portale/default.aspx?itemdir=5931

      Ricordi che il diritto al TFR si prescrive in cinque anni.

      Cordialmente,

      Mario

  • #5402

    Samsung1
    Partecipante
    • Città :

    Buongiorno, volevo delucidazioni su questa casistica:

     

    un dipendente ha dato dimissioni volontarie il 15/12/2016 dopo 17 anni di lavoro continuativo, ovviamente come da legge non ha diritto al sussidio di disoccupazione (naspi). All’ufficio di collocamento però  hanno detto che basterebbe un periodo lavorativo anche solo di pochi giorni con relativo licenziamento per poter usufruire del sussidio oltretutto in questo modo farebbero testo anche gli utitmi 4 anni.

     

    Volevo sapere :

    1) se corrisponde a verità ?

    2) se si quanti giorni dovrebbe durare questo  contratto (se c’è una durata minima)

    3) di che sussidio stiamo parlando se un sussidio mensile (e per quanto tempo) o se un una tantum

    Grazie.

    • Questa risposta è stata modificata 2 mesi fa da  Samsung1.
    • #5404
      Sindacato-Networkers.it
      Sindacato-Networkers.it
      Amministratore del forum
      • Città :

      Buongiorno Samsung1,

      rispondo per punti, così spero di essere più chiaro.

      1) Sì, è vero.

      2) No, non c’è una durata minima ma è necessario che venga licenziato. Quindi, no dimissioni volontarie.

      3) La durata della Naspi, pagata mensilmente, corrisponde alla metà delle settimane di contribuzione negli ultimi 4 anni, per un massimo di 18 mesi (dall’1 gennaio 2017 è entrata in vigore questa modifica. Prima erano 24 mesi).
      Per quanto riguarda la retribuzione della Naspi, si basa sulla retribuzione imponibile degli ultimi 4 anni utili diviso le settimane di contribuzione (massimo 208 settimane) e moltiplicato per 4,33.

      Per maggiori informazioni sulla Naspi, può visitare anche la pagina web dell’INPS sulla Naspi: https://www.inps.it/portale/default.aspx?itemdir=11316

      Cordialmente,

      Mario

  • #5397

    saretta1983
    Partecipante
    • Città :
    1. Buonasera
    2. lavoro da 11 anni con contratto ccnl commercio impiegata 4 livello, il mio datore di lavoro mi ha comunicato che per potenziare l’area commerciale vuole che dia le dimissioni per intraprendere nella sua azienda agente di commercio…a me tutto questo non va giù…non mi da via di uscita..quindi sto cercando altro e spero di averlo trovato, ma vorrei sapere se in questo caso posso dare le dimissioni per giusta causa senza preavviso e nel caso quanto giorno effettivo devo fare ho visto che su certi siti dicono 30 giorni altri 45…e se l’altra azienda avesse bisogno entro 20 giorni?
    3. grazie mille
    • #5398
      Sindacato-Networkers.it
      Sindacato-Networkers.it
      Amministratore del forum
      • Città :

      Buongiorno Saretta83,

      se proprio non ha alternativa alle dimissioni (non credo che siano per giusta causa, in questo caso), deve dare comunicazione con raccomandata scritta o altro mezzo idoneo a certificare la data di ricevimento, al partire dal primo o dal sedicesimo giorno di ogni mese.

      Nel suo caso, visto che si tratta di un quarto livello con più di 10 anni di servizio compiuti, l’articolo 241 del CCNL Terziario Confcommercio prevede un preavviso di 30 giorni.

      Nel caso in cui non dovesse dare il preavviso, il suo datore di lavoro può trattenere dall’ultima busta paga la retribuzione corrispondente ai giorni di preavviso previsti nel suo caso.

      Inoltre, su sua richiesta, il suo datore di lavoro può rinunciare al preavviso, facendo cessare immediatamente il rapporto di lavoro.

      Anche in caso di dimissioni, le sarà corrisposto il trattamento di fine rapporto.

      Spero di averle chiarito qualche dubbio.

      Cordialmente,

      Mario

  • #5371
    Sindacato-Networkers.it
    Sindacato-Networkers.it
    Amministratore del forum
    • Città :

    Buongiorno Fuel,

    ecco cosa riporta il sito “Cliclavoro” del Ministero del lavoro in merito alle dimissioni online e il preavviso:

    17. La procedura influisce sul periodo di preavviso da parte del lavoratore?

    No. Come indicato nella circolare n.12/2016, la procedura online non incide sull’obbligo di preavviso in capo al lavoratore e non modifica la disciplina del rapporto e della sua risoluzione. Pertanto restano ferme le disposizioni di legge o contrattuali in materia di preavviso.

    18. Qual è la data di decorrenza da indicare nella compilazione del modello telematico? 

    La data di decorrenza delle dimissioni è quella a partire dalla quale, decorso il periodo di preavviso, il rapporto di lavoro cessa. Pertanto la data da indicare sarà quella del giorno successivo all’ultimo giorno di lavoro.

    23. Se la data di decorrenza è stata inserita dal lavoratore calcolando erroneamente il preavviso e sono trascorsi i 7 giorni utili per revocare le dimissioni, come può essere comunicata la data di cessazione esatta?

    La procedura telematica introdotta dall’articolo 26 del D.lgs.151/2015 e dal DM del 15 dicembre 2015 interviene sulle modalità di manifestazione della volontà, la quale non viene inficiata da un eventuale errore di calcolo o di imputazione. In questa ipotesi, la Comunicazione obbligatoria di cessazione, da effettuare secondo le vigenti disposizioni normative, fornisce l’informazione esatta sull’effettiva estinzione del rapporto di lavoro.

    Ecco il link a tutte le FAQ: https://www.cliclavoro.gov.it/Cittadini/FAQ/Pagine/Dimissioni.aspx

    Spero di essere stato d’aiuto.

    Resto comunque a disposizione per ulteriori chiarimenti.

    Saluti,

    Mario

  • #5359

    fuel
    Partecipante
    • Città :

    Buonasera,

    ho un contratto part-time a tempo indeterminato, CCNL Commercio 2° livello…

    volevo chiarimenti sui tempi per le dimissioni telematiche, deve esserci stato un errore in quanto avevo comunicato la data convinto che si sarebbe andato a sommare il periodo di preavviso.

    Ho letto in rete che le dimissioni telematiche devono anche essere approvate dal datore di lavoro, quindi mi sono trovato in busta paga una data di fine rapporto errata…significa che il datore di lavoro ha approvato la richiesta di dimissioni? In caso di errore la data si può estendere anche se i 7 giorni sono passati?

    Grazie per gli eventuali chiarimenti

Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.