Lavoro, Isfol, crescono gli avviamenti di rapporti di lavoro

Post by: 02/09/2014 0 comments 666 views

ROMA – I dati relativi alle comunicazioni obbligatorie del 2° trimestre 2014 segnalano elementi che meritano particolare attenzione, trattandosi di dati che rappresentano l’universo delle assunzioni effettuate dai datori di lavoro nel periodo considerato.

Innanzitutto, va posto in evidenza l’incremento totale delle assunzioni (il numero di nuovi avviamenti di rapporti di lavoro nel secondo trimestre 2014 è aumentato in ragione del 3,1% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente giungendo a circa 2.651.000). E’ il miglior dato dal 2° trim. 2012.

L’aumento su base tendenziale è dovuto:
– ai contratti a tempo determinato (+3,9%), che confermano il trend di crescita avviato nel 2013;
– alla ripresa del contratto di apprendistato (+16,1%), che inverte decisamente la tendenza alla diminuzione iniziata con il varo del Testo Unico sull’apprendistato nell’aprile del 2012;
– ai contratti a tempo indeterminato, che fanno segnare la prima variazione positiva da oltre due anni (+1,4%).

Sia il tempo indeterminato che l’apprendistato confermano l’inversione della tendenza alla diminuzione anche su base congiunturale, al netto dei fattori di stagionalità, rispetto al I trimestre 2014, registrando un aumento pari al 3,1% e al 13,3%, rispettivamente.

Il numero dei nuovi contratti a tempo determinato rimane costante su base congiunturale. Si segnala, al proposito, che la nuova disciplina del contratto a tempo determinato, in ordine soprattutto all’estensione del regime a-causale fino a 36 mesi, non ha provocato uno spiazzamento nei confronti dei contratti permanenti, che registrano al contrario, come accennato, un aumento rilevante in termini percentuali.

L’inversione di tendenza del tempo indeterminato (+12.000 nuovi contratti, al netto dei fattori di stagionalità, rispetto al trimestre precedente) risulta quasi interamente concentrato nella classe di età compresa tra 30 e 44 anni (+6.000 nuovi contratti) e nella classe di età successiva, da 45 anni in poi, (+4.000 nuovi contratti).

Si registra un marcato aumento dell’apprendistato. Il numero di nuovi contratti attivati (+12.000 circa rispetto al secondo trimestre 2013, +8.000, su base destagionalizzata, rispetto al trimestre precedente) riporta il flusso di attivazioni in apprendistato su livelli mai raggiunti dal I trimestre 2012.

L’incremento è concentrato nella classe di età compresa tra 20 e 29 anni, mentre i giovani in età 15-19 scontano ancora evidenti difficoltà: dal 2010 il numero di nuovi contratti per tale fascia di età risulta più che dimezzato e non accenna segnali di ripresa.

Lavoro, Isfol, crescono gli avviamenti di rapporti di lavoro ultima modifica: 2014-09-02T00:00:00+00:00 da Redazione

Scrivi ora un commento

Assicurati di scrivere le informazioni obbligatorie (nome, email). Il codice HTML non è consentito